fbpx

Migliorare la guida in moto, capitolo 1: manubrio e semimanubri

Quante volte vi capita di pensare a come migliorare la guida in moto? Dedicheremo più di un articolo a questo argomento, perciò vi consigliamo di iscrivervi al nostro canale Telegram e seguire il nostro profilo Instagram @assettomoto.it per non perdere i prossimi consigli e le prossime notizie!

I nostri social

Detto questo, vediamo come scegliere il manubrio per la moto, o i semimanubri, in base al vostro stile di guida ed alla vostra moto.

Manubrio moto, quale scegliere?

Vi ricordo che se siete interessati agli accessori Spider Racing, possiamo offrire ai nostri lettori e followers un prezzo scontatissimo! Scriveteci in direct su Instagram @assettomoto.it o via mail a redazione@assettomoto.it per avere maggiori informazioni.

Cominciamo.

Partiamo dal manubrio e vediamo insieme quali tipi ci sono, cosa cambia fra loro e come possono migliorare la guida in moto.

Meglio manubrio stretto o manubrio largo per la moto?

Uno dei parametri da considerare quando vi trovate a scegliere il manubrio della moto è la sua larghezza.
Per quanto riguarda un manubrio stretto, possiamo dire che non ci sono particolari vantaggi.
Passando invece ad un manubrio largo (non eccessivamente…), il vantaggio principale è quello di migliorare la maneggevolezza e l’agilità della moto.

Tutto ciò è reso possibile grazie al fatto che la maggior larghezza aumenterà la leva, rendendo quindi necessaria una minor forza per muovere la moto.
Questo aspetto va a favore sia della guida fra le curve, sia per destreggiarsi nel traffico a bassa velocità.
In sostanza, se cercate una maggiore maneggevolezza, scegliete un manubrio un po più largo rispetto a quello di serie.

Manubrio moto con piega alta o piega bassa?

Il secondo fattore da tenere d’occhio è il tipo di piega del manubrio e di conseguenza la sua altezza.
Precisiamo che l’altezza del manubrio può essere modificata in due modi.
Il primo è attraverso l’ampiezza della sua piega, mentre il secondo è reso possibile cambiando i riser, ovvero i punti di fissaggio del manubrio stesso.

Esistono manubri a piega alta e manubri a piega bassa e la scelta andrà a migliorare la guida della moto in base al vostro stile.
Una piega bassa farà in modo che il busto sia più caricato sui polsi, andando ad aumentare di conseguenza anche il carico sull’anteriore. Questo darà un maggior feeling con la ruota anteriore che vi comunicherà maggiormente ciò che avviene tra la gomma e l’asfalto.

L’aspetto negativo del manubrio a piega bassa è che avendo il peso del corpo più caricato sui polsi, saranno maggiormente affaticati.

Per alzare il manubrio, invece, potrete sceglierne uno con la piega alta oppure montare dei riser. Si tratta di una sorta di “spessori” disponibili con varie altezze. In questo modo potrete ottenere una guida più comoda e touring, stancando meno i polsi nei lunghi tragitti.

Quindi, cercate maggior confort nei lunghi viaggi? Un manubrio a piega alta o dei riser fanno al caso vostro. Al contrario, se cercate una guida più sportiva e caricata sull’anteriore per aver un maggior feeling, dovrete scegliere un manubrio a piega bassa.

I semimanubri, come regolarli per migliorare la guida in moto

Passiamo ora ai semimanubri e vediamo come migliorare la guida in moto regolandoli nel modo corretto ed eventualmente sostituire gli originali con quelli aftermarket.

Allargare i semimanubri moto, come migliora la guida?

Solitamente, i semimanubri sulle moto di serie non sono mai estremamente aperti, ma sono regolati in modo diverso da moto a moto. Fra i vari modelli possono cambiare sia l’apertura, sia l’inclinazione, e questo può gravare più o meno sui polsi.

Uno dei modi per migliorare la maneggevolezza di una supersportiva è quello di allargare i semimanubri della moto. Questo modo viene anche detto “aprire i semimanubri”. In pratica funziona come per i manubri trattati qualche riga più su.
Allargandoli, infatti, aumenterà la leva e sarà necessaria meno forza per indirizzare la moto e controllarla. In più, ne andrà a migliorare anche il comfort.

Per allargare i semimanubri ci sono due modi: allargare quelli di serie o acquistare dei semimanubri regolabili aftermarket per la vostra moto.
Fate attenzione però, spesso i semimanubri di serie hanno dei perni di centraggio che ne bloccano la posizione nel punto pre-stabilito dal costruttore. Possono essere delle viti, o dei perni ricavati dal pieno proprio nei semimanubri. Per poterli ruotare sarà quindi necessario rimuovere questi centraggi.

Nel caso in cui vogliate acquistare dei semimanubri aftermarker, invece, potrete scegliere dei modelli dove è possibile regolare anche l’inclinazione, adattandoli al 100% al vostro stile di guida.

come migliorare la guida in moto con i semimanubri spider racing
Semimanubri regolabili moto (verificare diametro e compatibilità)

Concludendo, se anche in questo caso state cercando una maggior maneggevolezza, allargate o aprite i semimanubri trovando la posizione giusta per il vostro stile di guida.

Fate attenzione a questo se allargate i semimanubri.

Se avete idea di allargare o aprire i semimanubri della vostra moto, sia nel caso di quelli aftermarket che per quelli di serie, fate attenzione ad un’aspetto fondamentale che non potete tralasciare!

Nel caso delle moto carenate, infatti, il problema principale alla quale potrete andare incontro è il fatto che i cavi dell’acceleratore, dei freni e della frizione, assieme a leve e serbatoi di olio presenti nel manubrio, possano andare a sbattere contro le carene.

Quando allargate i semimanubri, provate quindi a sterzare la ruota fino a fine corsa per verificare che nessuna parte vada ad impattare con le carene. Meglio farlo subito e non ritrovarsi in situazioni pericolose durante la guida.

allargare i semimanubri

Siete curiosi di sapere di cosa parla il prossimo capitolo? Seguite il nostro profilo Instagram @assettomoto.it ed iscrivetevi al nostro canale Telegram per non perdere le prossime uscite e i nostri consigli.
Avete dato un occhiata anche alle guide presenti sul sito? Le trovate tutte cliccando qui.
Non perdete la nostra nuova rubrica “strade da moto” che trovate cliccando qui, così come la  mappa interattiva per conoscere le attività in moto presenti nella vostra zona.

Per risparmiare un po sui vostri acquisti, nella sezione “collaborazioni” trovate i nostri sponsor con dei codici sconto riservati ai nostri lettori e followers.


I nostri social


© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 thoughts on “Migliorare la guida in moto, capitolo 1: manubrio e semimanubri

  1. Interessante, a me piacerebbe approfondire il discorso regolazione leve frizione freno perché spesso ho le spalle indolenzite o il polso/avambraccio dolorante, sto facendo delle prove ma non trovo la quadra

  2. posseggo un honda vfr 750 rc36 del 1994 ed avrei intenzione di sostituire il mnubrio originale con uno a guida alta, per un maggior confort di guida, avrei optato di forare la piastra originale per avvitarvi dei riser e quindi montare il suddetto manubrio, nei vari forum buona parte non è d’accordo perchè non si avrebbero dei buoni risultati ma consigliano dei Kit specifici che, purtroppo hanno un costo non indifferente, cosa mi consigliate Voi?
    Grazie

    1. Ciao Francesco, diciamo che forare un componente strutturale come la piastra non è mai consigliato. Purtroppo, anche se più costosa, ti consigliamo di installare dei componenti specifici per quello scopo. Pensa anche al fatto che se dovessi trovarti male, puoi sempre riportarla allo stato originale (o venderla) senza averne compromesso l’integrità strutturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

seguici su instagram assettomoto